martedì 25 luglio 2017

un altro bookhaul


Questo qui non era in programma ma intanto sono happy perché avendo la prima trilogia di Shadowhunters ora posso iniziarlo senza avere l'ansia che mi manca il continuo LOL (si lo so sono scema XD) dovete dire che ce li ho sul kindle male che non riesca a comprare il seguito XD quindi non capisco questa mia fobia, ma ho paura di iniziarlo seriously... perché? bho! i misteri del mio cervello. Mentre gli altri due ai molti sembreranno un po' strani ma fanno parte dei miei studi, e poi finalmente i miei primi due testi sull'angelologia, ero un po stufina di andarmi a scavare pdf e siti per cercare info anche perché ahimè le info sono tante e diversissime sull'argomento (che non è nemmeno facile. Non crediate siano gli angeli di Shadowhunters o quelli come ce li spiega il cristianesimo.... non proprio in quest'ultimo caso) Trovo comunque bellissimo che uno di loro sia completamente dedicato a Gabriel tra i miei primi libri su questo argomento... dovrebbero esserci anche per Michele e Raffaele ma io ho cecato solo lui... XD li prenderò, devo prendere altri libri ovviamente solo che i libri esoterici sono un cactus nel deretano perché NON SI TROVANO ç_ç un immenso grazie va alla mia cuginetta preferita Marika che era con me❣❣

martedì 4 luglio 2017

[ANALISI] I, PET GOAT II (PARTE 1)

Benvenuti alla seconda parte dell’Analisi di I, pet goat II! (si, l’altra parte era solo l’introduzione ora si entra nel vivo del video).
Vi ricordate che vi avevo lasciato con una domanda ossia, se il 666 è il numero che rappresenta la genetica umana ma la Bibbia (partendo dal presupposto che la Bibbia ha subito MOLTE traduzioni non sempre esatte) definisce la cifra corrispondente ad un “nome d’uomo” e allo stesso tempo definisce la cifra “numero della bestia” non è che ci sta dicendo che la bestia E’ un uomo? o qualcosa creato dall’uomo? la spiegazione ce la da questo screen.( in più vi riposto la spiegazione esoterica del quadrato solare 666)

martedì 20 giugno 2017

bookhaul Shadowhunters

Ebbene si ho iniziato a comprare la saga... in realtà ce l'ho tutta sul kindle, solo che, piace A TUTTISSIMI, mio cugino ha tutta la collezione librosa e dato che mi piace questa versione paperback, anche le cover tipo mi piacciono tantissimo ho deciso di prenderlo.
In realtà mio cugino mi ha tentato con il codice! Maledetto che sa i miei punti deboli, che mi è piaciuto anche per i disegni che non mi aspettavo e così ho preso anche il primo ma già nella premessa c'è una cosa che mi ha fatto abbastanza incazzare di cui vi parlerò poi

Ho avvistato che se non mi piace, parecchie persone verranno linciate a suon di libri LOL voi invece che mi dite? Vi è piaciuto?

Kenny

sabato 29 aprile 2017

[video]La centesima scimmia.

Ecco qui l'altro argomento che volevo assolutamente segnalarvi. È un documentario su come è nata l'Europa e cosa sta succedendo a casa nostra (che non solo l'Italia) vi prego di guardarlo e farlo girare



concludo così

-kenny

Blog letterari!


Allora, oggi voglio fare due post per segnalarvi due argomenti interessanti uno, che tratto qui è quello dei Blog letterari, approfittando del fatto che il Blog Toglietemi tutto ma non i miei Libri ne ha fatto un articolo molto interessante basato su un discussione aperta dalla stessa, sulla sua pagina facebook -citando anche una mia mezza risposta ^^- e un altro che parla di un documentario di attualità che poi vedremo.
Intanto vi invito a leggere l'articolo in questione, ve lo linko qui sotto, dopo che avete letto possiamo discutere dei vari punti.

Blog Letterari: cosa ne pensano i Lettori e come aprirne uno -by Toglietemi tutto ma non i miei Libri

Ovviamente mi baso sull'articolo ma parlo principalmente del mio blog perché il discorso generale e utilissimi consigli li fornisce già la pagina su tutta la linea in maniera più che esaustiva.
Quindi perché fare questo post se il blog su ha già scritto tutto? bhè in primis per segnalarvi l'articolo che se amate i libri e siete in cerca di recensioni ma avete paura che i blog siano poco sinceri, leggete così capirete come muovervi meglio tra i blog letterari.
In secondo luogo, se avete visto le  mie recensioni avrete capito che faccio un lavoro un bel po' diverso io. E siccome siamo sul web non ci si spiega mai abbastanza voglio un po' chiarire in che ottica mi muovo io.

sabato 22 aprile 2017

[Recensione/Analisi] Storia di una ladra di libri - Markus Zusak

Autore: Markus Zusak
Titolo: Storia di una ladra di libri/La bambina che salvava i libri (ed. Frassinelli)
Originale: The book Thief
Traduzioni a cura di: Gian M. Giunghese
Editore: Pickwick
Codice ISBN: 978-88-6836-304-8
Trama: Germania, 1939. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel scorge un libriccino nascosto nella neve e lo ruba. Comincia così la storia di una piccola ladra e del suo amore per i libri, che diventano un talismano contro l'orrore che la circonda. Per salvarli, è pronta a strapparli ai roghi nazisti o a sottrarli dalla biblioteca della moglie del sindaco. Ma quando la famiglia putativa di Liesel accoglie un ebreo in cantina, tutto cambia: il mondo della ragazzina diventa all'improvviso più piccolo. E, al contempo, più vasto.
Voto: 5/5
Buy(+ed.Frassinelli)

giovedì 6 aprile 2017

C'è o non c'è questo dio?

"L'Angelo Ferito" di Hugo Gerhard Simberg (Finlandia 1873 - 1917). Olio su tela, 154 x 127 cm, 1903. Ateneum, Helsinki, Finlandia- via Libri Usati e Antichi. Quotazioni
(ps: non vi offendete per la lettera minuscola, la parola dio per me NON basta a comprendere il mio dio LOL ps2 se avete la mente troppo stretta per accettare un pensiero diverso questo blog non fa per voi 😉)

Ieri guardavo la tv, dopo essermi fatta il sangue fracido su Facebook, e vedevo una cosa che in realtà c'è sempre, tutti i giorni. (Precisamente guardavo "il Segreto" dove  aveva luogo questo solito dibattito.
"Grazie a dio stiamo bene" -sono appena usciti da un epidemia di morbillo che nel 1929 era leggermente letale-
"No grazie ai medici che ne siamo usciti" bene.
È una cosa di cui sento parlare tutti i giorni eppure mai nessuno si ferma a riflettere sul fatto che "dio" (o gli dei per chi è politeista) sicuramente NON sta dove stanno le divisioni. Queste divisioni create ad HOC, credenti/non credenti, vegetariani/mangiatori di carne, uomo/donna (a livello sociale), gay/omofobi, bianchi/neri...
Io credo che se ci crediate o no, dio sta dove stanno le persone che si amano e si rispettano. E poi SBAM ti viene questo video su Facebook (motivo del mio sangue fracido di cui sopra)
(credo abbiano tolto la possibilità di incorporarli perché sono video forti e come avrete capito si tratta dell'attacco chimico in Siria)
https://www.facebook.com/PlayGroundMag/videos/1491860917520446/
e allora tutti a gridare "dov'è dio quando succedono queste cose?", si lo so è un discorso che ho già fatto in un canto di natale ma ho bisogno di ribadire il concetto.
Le persone che fanno tutto questo sono senza dio.
Questo non vuol dire che sono o non sono credenti di una religione.
Vuol dire semplicemente che queste persone non hanno tutto quello che i grandi profeti vi indicano da secoli, Gesù, Buddha, Maometto, in tempi moderni, Gandhi, il Dalai Lama TUTTI predicavano la stessa cosa.
L'AMORE.



L'umanità muore ogni giorno in ogni angolo del mondo in cui un adulto non si preoccupa della vita di un bambino. Muore e soffoca ogni giorno in silenzio e le lacrime non servono a niente. Piangere per la strage di ieri non consentirà a nessun bambino di diventare grande domani. Quanti pianti disperati ho visto allargarsi sulle facce di chi ha dichiarato guerre che non ha combattuto. Quante lacrime grondanti ho osservato trovare spazio sulle guance di chi lavora per proteggere i bambini ma è impotente, frustrato, arrabbiato, davanti alla violenza degli adulti. E allora, basta piangere. Basta giocare a Risiko sulle schiene dei bambini, sui loro stomaci svuotati di cibo e pieni di fame. Basta usarli come manifesti di un pacifismo ipocrita e rassegnato. Basta usarli per scuotere coscienze che sono graniticamente convinte che i danni collaterali di una guerra siano inevitabili. Perché, se ieri decine di bambini sono morti rantolando mentre l'aria avvelenava i loro polmoni, significa che il ricordo di quelli bruciati vivi 72 anni fa a Hiroshima e Nagasaki, con la pelle che si staccava a brandelli dai loro corpi che friggevano di calore, è disciolto in un'acida memoria collettiva. Perché se ieri gridavamo alla strage degli innocenti, accorgendoci che non ci bastano mani e piedi per contare le piccole vittime dell'adulta follia, oggi siamo la dimostrazione più lampante del fatto che l'umanità sta agonizzando come un malato terminale che ha bisogno di dosi sempre più massicce di morfina per tentare di aprire un occhio su ciò che resta del mondo.
-Huffingtonpost.it
Se vi piace credere che sia dio a fare in modo che succeda tutto questo e a non prendervi le vostre responsabilità come esseri umani fate pure. Ma la verità è una sola e per quanto faccia male è questa. L'essere umano sta diventando un MOSTRO. Siatene coscienti perché prima o poi il karma, che ho ampiamente spiegato nella canzone di Gabbani, vi chiederà il conto, e sarà non salato. DI PIÚ.

-kenny

lunedì 20 marzo 2017

Ask Me!!!


Allora, questo post nasce dal fatto che alcune mie amiche mi hanno detto che vorrebbero alcuni aiuti per poter leggere in questo caso "Io sono un gatto" di Natsume Sōseki in modo più chiaro, poiché i testi di letteratura Giapponese si avvalgono spesso di alcuni pensieri filosofici che chi non ha studiato o non ha dimestichezza con la cultura e la letteratura orientale farà fatica a capire (tipo ad esempio il Mono no Aware che è un topos letterario classico Giapponese) MA!!!! Siccome come avrete visto in ogni libro mi piace analizzare aspetti che vanno dai problemi sociali/culturali/storici e cose del genere, ho pensato di fare questo post, sotto il quale in commento potete lasciarmi tutte le domande che volete, oppure potete suggerirmi dei punti su cui vorreste che parlassi nella recensione,  facendo tipo un elenco.
Se vedete a lato io ho messo "Book in progress" significa che sto preparando quella recensione, quindi se avete domande da farmi su quel libro, se volete avere una mia prospettiva o chiedere un parere, ho sapere simbolicamente cosa vuol dire qualcosa non lo so qualsiasi cosa, scrivetemelo qui nei commenti mettendo come titolo del commento il nome del libro e l'autore in  modo tale che sotto le recensioni posso aggiungere "L'angolo Ask Me" dove vi rispondo! Potete farlo pure una recensione già postata!
Utilizzate questo post anche per farmi le richieste di analisi video/libri (però vi avviso che i tempi son lunghini eh)

Grazie per la collaborazione!

-Kenny

mercoledì 15 marzo 2017

[Recensione] #1- Celia lo que dice (Celia e quello che dice) - Elena Fortún

Autore: Elena Fortún
Titolo: Celia e quello che dice
Originale: Celia lo que dice 
Traduzioni a cura di: Non tradotto in Italia
Editore: Alianz Editorial.es (edizione spagnola)
Codice ISBN: 8420635758
Trama: Ribelle, curiosona (che fa sempre domande) e intrepida, Celia è la protagonista del classico infantile spagnolo per eccellenza. Il racconto la quale attraverso la successione di episodi fatti di avventure e disavventure, Elena Fortún ne ha fatto fin dal momento della sua pubblicazione la delizia di generazioni di lettori, da cui è stato tratto per la televisione una serie a cura di Jose Luis Borau. La ragione della persistenza di Celia si ritrova più che nelle mode e negli scenari (della Spagna del tempo), una sua peculiare forma di vedere la realtà -mista di ingenuità, sincerità e insolenza- così come la sua logica schiacciante e diversa e sottointesa, smonta immediatamente i tranelli saccenti in cui si cimentano sempre con la propria autorità "gli adulti". (Trama tradotta da me dallo spagnolo)
Voto: 5/5
Buy (attualmente non disponibile nell'amazon spagnolo ma vi conviene aspettare che torni disponibile qui che costa circa sei euro e non su Amazon italiano dove sfiora i 50 euro XD)

domenica 12 marzo 2017

[Recensione] Un canto di Natale - Charles Dickens

Autore: Charles Dickens
Titolo: Un canto di Natale
Originale: A Christmas Carol
Traduzioni a cura di: Emanuele Grazzi
Editore: Newton Compton editori
Codice ISBN: 978-88-541-4504-7
Trama: È questo il primo (1843) e più noto libro sul Natale di Dickens. Straordinario spettacolo metafisico, dove gli spiriti si fanno messaggeri benefici - ma non per questo meno terrorizzanti -, guide sapienti che conducono Scrooge, il vecchio arido e avaro attraverso le età della vita, passata e futura. L'attonito spettatore ripercorre, attraverso la visione, il tempo dell'infanzia, della giovinezza e della maturità, scorgendo, nelle immagini di sé del passato, l'insorgere della durezza e della disumanizzazione; l'ultima tappa, il futuro che lo attende, registra, in un crescendo di orrore, la scoperta di sé morto, corpo depredato delle vesti, privato della dignità, abbandonato e disperatamente solo. Ma lo spirito del Natale e la fiducia nella bontà dell'uomo consentono a Dickens, almeno sulla pagina, di pronunciare un messaggio di speranza.
Voto: 5/5
Buy (vers.Kindle+libro ita+lingua originale -libro-+film)

martedì 28 febbraio 2017

[Recensione/Analisi] Alice nel paese delle Meraviglie + Attraverso lo specchio - Lewis Carroll

Autore: Lewis Carroll
Titolo: Alice nel Paese delle Meraviglie;
Originale: Alice's Adventures in Wonderland
Traduzioni a cura di: Aldo Busi
Editore: Universale Economica Feltrinelli
Codice ISBN: 8807820706
Trama: "Di Alice si potrebbe forse dire che è il testo che non è e pertanto il testo perfetto: esso è sempre spostato un po' più avanti o un po' più indietro di dove ognuno pensa di averlo colto, spesso acchiappato. È un testo da inseguire e che invariabilmente ci troviamo alle spalle, che bussa, che chiede permesso per superarci, che ha più tempo di noi e tuttavia non ha tempo da perdere, e ognuno starà al gioco secondo il proprio passo, il proprio ritmo, il proprio passato presente..."
Voto:3/5
Buy (Testo inglese a fronte)




Autore: Lewis Carroll
Titolo: Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò;
Originale: Through the Looking-Glass
Traduzioni a cura di:  //
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Codice ISBN: 8817043443
Trama: Seguito di "Alice nel Paese delle Meraviglie", "Attraverso lo specchio" (1871) ne riprende i personaggi e le ambientazioni fantastiche, pur in una chiave meno trasognata e più malinconica. Nel mondo a rovescio che Alice trova al di là dello specchio di camera sua, sei mesi dopo il suo primo viaggio nel paese delle meraviglie, è valida una sola regola: credere all'impossibile. Le carte da gioco si tramutano qui nei pezzi di una scacchiera; la sequela di imprevisti e trabocchetti in una sfrenata corsa tra filastrocche, poesie, giochi. E mentre Alice si muove sulla scacchiera, di casella in casella, impara a difendersi, a dire la sua, a entrare nel gioco dell'eccentrico e dell'incredibile, a capire e a simpatizzare con gli esseri stravaganti che incontra, allucinati ma ricchi di umanità.
Voto:2/5
Buy(+ lingua originale)

sabato 25 febbraio 2017

Tutorial Calibre pdf to file per kindle


Lo scrivo perché lo dimenticai, cioè dimentico i paragrafi e dopo mi appendo invece facendo questo tutorial ho la doppia funzione sia di ricordarmi i paragrafi sia di aiutare chi è in alto mare con lo sballamento dell'impaginazione durante la conversione se avete file PDF che volete portare su Kindle. Personalmente converto prima i PDF in ePUB e poi in AZW3 che è meglio di MOBI per kindle almeno in base alla mia esperienza (io ho un kindle Paperwhite)
Allora scegliamo il nostro file PDF: allora userò una mia fanfiction vediamo come renderla PDF da word

Kindle cover!


Mi è appena arrivata e volevo segnalarvela perché le cover per Kindle a mio parere hanno prezzi troppo alti. Partono dai 10 euro (veramente pochissimi modelli) dai 15 ai 30 addirittura.
per chi è poverello come me LOL invece vi segnalo quella che ho preso io che che sta al di sotto dei 10 !
L'ho pagata solo 7,59 euro  vi lascio il banner di Amazon qui sotto

La adoro! Se al posto della stellina ci fosse stato un fiocco di neve sarebbe stata perfetta perché avrebbe rispecchiato il nome del mio blog non trovate? ps la penna per schermo mi è uscita vicino!

Ps cosa state leggendo su Kindle? o e reader?

Io attualmente Carmilla di Sheridan Le Fanu ^^

-kenny

martedì 21 febbraio 2017

Book Haul...particolare


si i miei book haul so strani perché non sempre sono libri che compro! spesso e volentieri sono libri che trovo come in questo caso e di cui non sapevo l'esistenza.... devo prima smaltire una luuuunga lista ma "diario del Cremlino" mi stuzzica parecchio!
Voi li conoscete? Li avete letti?
Fatemi sapere che sono curiosissima, tanto a me gli spoiler non fanno nulla e poi li leggerò aimè molto in la quindi fatevi avanti e ditemi!!

sabato 18 febbraio 2017

[Analisi in musica] Occidentali's Karma- Francesco Gabbani


Allora, ho chiesto su Facebook se avrebbe interessato un analisi di questo tipo perché chi mi segue sa che questa canzone non mi è piaciuta hahaha. Tuttavia credo che il testo meriti un aiuto. Un aiuto perché vedendo che a pomeriggio cinque, Barbara D'urso continua nell'impegno ad esaltare "le scimmie" dimostrando quanto le persone hanno capito zero di questa canzone.... bhè.
Io non ho seguito Sanremo, e non lo seguo da parecchi anni, però ho voluto vedere chi avesse vinto dato che era un volto "nuovo" (scusatemi, mia mancanza, non seguendo il panorama musicale italiano, ignoro il livello di fama di Gabbani prima di Sanremo) e PARLO SOLO A LIVELLO MUSICALE la canzone non mi è piaciuta. Musichetta banale, voce senza nessuna particolarità. Per quanto mi riguarda ad un festival della canzone, ripeto DELLA CANZONE, non può passare solo il messaggio di un testo, a mio parere, ma deve essere un brano che deve accendere i bollini verdi in tutti i campi, testo, musiche, presentazione, voce, accompagnamento, coro se c'è e via discorrendo. Mi sta bene una giuria variegata che rappresenti il vario pubblico (quindi una Greta Menchi, tirando in ballo anche il mio parere su quella polemica, che rappresenti un pubblico giovanile è più che giustificata a mio parere) una canzone ritornello senza un peso a livello  musicale no. Però quello che ha di peso questa canzone è il testo ed è solo a quello che vorrei rendere giustizia.
Il problema è che si è verificato esattamente quello che temevo. Nonostante le varie spiegazioni fornite al testo, veramente pochi l'hanno capito. Sono temi che come avrete capito da I Pet Goat studio e a cui tengo e vederli semplificati così, per par conditio ha creato più ignoranza che informazione. Adesso ci ritroviamo un mare di idioti su you tube che ballano come la scimmia del video facendo ESATTAMENTE quello che il testo della canzone condanna. E con questo vi sto spiegando il titolo.

martedì 7 febbraio 2017

Amici



Per il mio Banner e i miei contatti andare nel post Welcome
Qui metterò i Blog e i banner dei blog amici o di eventuali collaborazioni ^^

Affiliazione Amazon




Banner




Friends

lunedì 6 febbraio 2017

Book List


Lista dei 100 libri della BBC

4 Harry Potter – JK Rowling 
5 Se questo è un uomo – Primo Levi
6 L’Arte della Guerra – Sun Tzu 
7 Cime Tempestose– Emily Bronte

domenica 5 febbraio 2017

Welcome


Eccomi qua ^^ ho trasferito il mio blog da wordpress a blogger ed è la seconda volta che lo abbandono perché proprio non sopporto le sue restrizioni a livello grafico... SOFFRO!!! Quindi eccomi qui. Avevo iniziato un blog con recensioni di libri, analisi di video e discussioni di vari argomenti. Sono appassionata di simbologia, antropologia, religioni e cose del genere, adoro analizzare i testi delle canzoni e spero di fornire vari spunti tramite recensioni. Ovviamente, dato che molte persone si sentono in diritto di mettere bocca sull'idea che mi faccio dei libri che leggo, a Napoli si dice "patti chiari e amicizia lunga", non sono un critico letterario, dispenso le mie idee qui innanzitutto per una questione personale, per sviluppare la mia personale analisi critica su ciò che mi circonda, ciò che leggo e ciò che vedo, non per la gloria. Non mi interessa. (Ma qualora vorreste avere una mia recensione approfondita su un testo sappiate che NON sono la Caritas e la cosa è a vostro rischio e pericolo perché farmi piacere una cosa è un impresa titanica, distruggerla è un attimo). Mi farebbe piacere però, suscitare curiosità verso spunti che magari non avreste pensato in un libro, questo, mi piacerebbe tantissimo come anche uno scambio di idee (le critiche cattive potete tenervele ed è inutile farle spacciare per consiglio, me ne accorgo). Se non vi piace quello che scrivo, potete benissimo chiudere la pagina, dirmi o farmi passare per un idiota che non sa quello che dice non serve né a me né a voi se non per farvi perdere un tempo che potreste utilizzare in cose più utili. Detto ciò, son passati due-tre mesi da quando ho ripreso a scrivere su wordpress e  quello spazio aveva preso una forma tutta sua, nel format intendo, solo che come vi dicevo, per me wordpress è una sofferenza, il non poter adattare colori, caratteri (sopratutto la dimensione di questi ultimi), è una cosa che ho cercato con tutte le mie forze di sopportare, ma proprio non ci sono riuscita. Quindi eccomi qui^^ (ps mi spiace avervi fatto una sbobba abbastanza antipatica, ma questo è il risultato di ciò che si riceve purtroppo, per questo sottolineo il fatto che questo è un blog personale di una persona a cui piace scrivere di questi argomenti punto. Prendetela come tale. Oppure prendetevela con la Meyers che a differenza mia guadagna miliardi scrivendo...mbha...robe XD )

Ho chiamato questo spazio DI NEVE E DI LUNA Ispirato al mio romanzo classico giapponese preferito, ossia “Racconti di Pioggia e di Luna” (Ugetsu monogatari) di Ueda Akinari. Ho sostituito pioggia con  neve perché Neve è il nome italiano del mio cane Yuki (雪=neve) che sarà la mascotte di questo mio piccolo spazio❤


Affiliazioni
pensavo di fare una pagina per i Blog Amici quindi se volete rientrare tra i miei amici, potete mandarmi il codice del vostro banner e lo aggiungerò li. Questo è il mio




Contatti

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

  Anobii 

my read shelf:

Kenia Kenny's book recommendations, liked quotes, book clubs, book trivia, book lists (read shelf)

Oltre i social, questa è la mia mail

keniakenny89@gmail.com

______________________________

Ho lasciato questo blog a Ottobre del 2014 e lo riprendo ad Ottobre 2016. Lo avevo creato con l’intento di farmene un sito per i miei disegni ma dato che in quel senso sono approdata su altre lande, il fatto è che wordpress non rispecchia proprio i miei bisogni creativi, quindi, cosa si può fare di un blog che non ti può soddisfare a livello grafico, sopratutto per un tema artistico?
Semplice, farne qualcosa di molto simile ma solo con scopo di “scrittura”, un simil giornalismo e dato che di mio sono appassionata di molti argomenti non di meno arte, politica, simbologie, libri e varie cose POTREI usare questo spazio in questo senso.

Detto questo ci sono alcune cose che ho bisogno di mettere in chiaro prima di poter iniziare qualsiasi cosa.

1)Sono per la libertà di opinione. Se non vi piace quello che scrivo o se non siete abbastanza maturi da poterlo accettare/discuterne in maniera civile, ve lo dico prima, smammate.

2) Non ho peli sulla lingua quindi adattatevi di conseguenza.

3) Sono fondamentalmente una persona onesta quindi troverete sempre link a fonti, libri e quanto altro che hanno costituito il mio pensiero, se non lo trovate vuol dire che non me lo ricordo. Se siete i padroni del materiale, potete contattarmi e io aggiungo i crediti no problem.

4) Ricollegandomi al punto sopra, vero che userò fonti e citazioni ma il resto sono mie constatazioni e pensieri. Mai e dico MAI spacciare un mio post di qui per vostro perché potrei perseguitarvi fino all’inferno e lo farò.

5) Ma non meno importante, è uno spazio mio. Ricordatevelo sempre questo. Non tollero la maleducazione ne la sgarbatezza ne i “so tutto io”.

Detto ciò buone letture ^^ Kenny

domenica 29 gennaio 2017

[Recensione/Analisi]Il Piccolo Principe-Antoine De Saint-Exupéry

Autore: Antoine De Saint-Exupéry
Titolo: Il Piccolo Principe; Originale: Le Petit Prince
Traduzioni a cura di: Nini Bompiani Bregoli
Editore: Tascabili Bompiani
Codice ISBN: 978-88-452-4741-5
Trama: «Sei anni fa ebbi un incidente col mio aeroplano nel deserto del Sahara. Qualche cosa si è rotta nel motore, e siccome non avevo con me né un meccanico, né dei passeggeri, mi accinsi da solo a cercare di riparare il guasto. Era una questione di vita o di morte; perché aveva acqua da bere soltanto per una settimana... Potete immaginare il mio stupore di essere svegliato all'alba da una strana vocetta: "Mi disegni, per favore, una pecora?"... E fu cosi che feci la conoscenza del piccolo principe.»
A cinquant'anni dalla pubblicazione negli Stati Uniti del libro, Il Piccolo Principe è divenuto un long seller internazionale, un testo-chiave di formazione. Antoine De Saint-Exupéry, il suo autore, era un aviatore e un umanista: adorava volare e s'interessava agli uomini. Qualche mese dopo l'apparizione del suo capolavoro,scomparve in aereo sul Mar Mediterraneo. Ma la favola del ragazzino dai capelli d'oro continua.
Voto: 10/5 eeeeeeh si
Tutti i grandi sono stati bambini una volta.
(Ma pochi di essi se ne ricordano).
 Buy(+lingua originale+ versione Giapponese per Kindle)

lunedì 16 gennaio 2017

[Recensione]Racconti di pioggia e di luna (Ugetsu Monogatari) - Ueda Akinari

"In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna."


Autore: Ueda Akinari上田秋成
Titolo: Racconti di pioggia e di luna (Ugetsu Monogatari) 雨月物語
Traduzioni a cura di: Maria Teresa Orsi
Editore: Letteratura Universale Marsilio
Codice ISBN: 88-317-5109
Trama: Ueda Akinari (1734-1809) è uno dei rappresentanti più raffinati e originali della cultura del Giappone premoderno; buon conoscitore di letteratura cinese, sensibile filologo ed esegeta del patrimonio giapponese classico, è anche autore di racconti dove l'erudizione si intreccia alla fantasia, dove cronaca, storia e leggenda sono mescolate con mano sicura e anche gli elementi più drammatici e macabri acquistano una nuova raffinata coloritura grazie al gioco sapiente di allusioni e riferimenti alla grande pagina letteraria di epoca classica. Come scrittore ha legato al suo nome, oltre che all'Ugetsu Monogatari, allo Harusame Monogatari (Racconti della pioggia di primavera) scritto nel 1808, una raccolta di dieci racconti che spaziano dalla riproposta di eventi storici a libere elaborazioni di fatti di cronaca, leggende e tradizioni, rivissuti alla luce di un immaginazione che accetta il fantastico e il soprannaturale come parte integrante dell'esperienza umana.
Apparso nel 1768, Ugetsu Monogatari (Racconti di pioggia e di luna) è una raccolta di nove storie di fantasmi, nella quali l'autore utilizza spunti tratti dalla letteratura cinese e motivi di folclore, del romanzo e del teatro giapponesi, per rielaborare racconti del tutto originali. Ma questi elementi sono solo parte dell'intuizione poetica dell'autore di trasformare le sue "futili storielle" -come egli stesso aveva dichiarato con una modestia tendenziosa e poco convincente- in racconti dove il ricorso al soprannaturale è sopratutto un funzione estetica, la paura è mitigata dalla poesia e quando "cantano i fagiani e i draghi combattono" il brivido dell'orrore si accompagna all'emozione della bellezza.
Voto 5/5
Buy:

martedì 3 gennaio 2017

[Recensione/Analisi]1984- George Orwell

Autore: George Orwell
Titolo: 1984
Traduzioni a cura di: Stefano Manferlotti
Editore: Oscar moderni
Codice ISBN: 978-88-04-66823-7
Trama: 1984. Il mondo è diviso in tre superstati in guerra fra loro: Oceania, Eurasia ed Estasia. L'Ocenia, la cui capitale è Londra, è governata dal Grande Fratello, che tutto vede e tutto sa. I suoi occhi sono le telecamere che spiano di continuo nelle case, il suo braccio la psicopolizia che interviene al minimo sospetto.Tutto è permesso, non c'è legge scritta, Niente, apparentemente, è proibito. Tranne pensare, tranne amare. Tranne divertirsi. Insomma: tranne vivere, se non secondo i dettami del Grande Fratello.Dal loro rifugio, in uno scenario desolante, solo Winston Smith e Julia lottano disperatamente per conservare un granello di umanità...
Scritto nel 1948, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.
Voto:5/5
Buy(+lingua originale):